Hooper > Web Marketing > Come scrivere un planning settimanale

Planning settimanale

Aumenta la produttività organizzando meglio i tuoi impegni

 

Tempo di lettura previsto

2 min
Nell’Antica Roma non esistevano orologi ed il tempo era scandito dalla meridiana.
Ovviamente di notte questo sistema non funzionava e ci si aiutava con le stelle.
Incontriamoci al Tempio quando Sirio incrocia l’Orsa Minore,
No, è troppo presto! Ci vediamo quando Orione supera la Costellazione del Cigno.

Per fortuna oggi è più semplice arrivare puntuale ad un appuntamento, ma non tutti ci riescono. Se vuoi posso insegnarti una tecnica davvero sorprendente.

Pianifica

Le cose da fare sono sempre tante e gestirle non è semplice ma, grazie ad un planning settimanale, potrai organizzare senza stress le tue attività quotidiane. Un planning settimanale non è altro che un calendario, suddiviso in giorni, su cui dovrai annotare tutti i tuoi impegni. Questo ti permetterà non solo di ricordare tutto ma soprattutto di non rimandare, di giorno in giorno, i vari appuntamenti.

 

Analizza

Realizzare un planning settimanale è molto semplice, bastano:
un programma di scrittura, tipo Excel;
un calendario da cui copiare le date corrette;
un po’ di tempo a disposizione per organizzare bene le idee.
Se preferisci puoi partire da un modello base – il mio lo puoi scaricare in fondo alla pagina – o crearne uno tuo. In questa fase cerca di essere molto specifico. Una corretta programmazione ti permetterà di guadagnare molto tempo dopo. Quando avrai finito annota con precisione i tuoi impegni settimanali. Prima quelli fissi, dopo quelli saltuari.

Separa

Un consiglio: crea una leggenda che ti permetta di capire a colpo d’occhio la priorità degli impegni. Io, ad esempio, uso i colori:
Rosso per irrimandabile;
Giallo per prioritario ma non troppo;
Verde per se lo faccio domani non muore nessuno.
Adesso arriva la parte più difficile: Come riuscire a rispettare gli impegni del planning settimanale?
Per fare questo ci facciamo aiutare da un principio molto importante, meglio conosciuto come la regola della 1° ora.

COSE DA FARE

Il barattolo di vetro

Devi destinare la prima ora della tua giornata lavorativa a tutte le attività lunghe e complesse che richiedono molto tempo. Conosci la storia del barattolo di vetro? No? Te la racconto. Hai un piccolo barattolo dentro cui devi infilare 5 palline da tennis e 2 pugni di sabbia. Solo mettendo prima le palline da tennis e dopo la sabbia il barattolo si chiuderà perfettamente. Anche nella vita, se riempi la tua giornatail barattolo – con attività poco importantila sabbia – non ci sarà più spazio per gli impegni urgentile palline -. Al contrario, se inizi dalle cose più urgenti avrai sempre tempo per quelle meno importanti.

COSE DA FARE

L’etichetta gialla

Iniziare la tua giornata con tutte quelle attività importanti ma non urgenti (ricordi l’etichetta gialla?) ti consentirà di aumentare la produttività, diminuendo notevolmente i livelli di stress. Inoltre, anticipare gli impegni, ti permetterà di intervenire qualora dovessero nascere degli imprevisti.

COSE DA NON FARE

Pulizie di Primavera

Aggiornare l’agenda o sistemare la posta non sono di per sé attività dannose, anzi. Ma iniziare la giornata con compiti poco impegnativi abbasserebbe troppo il tuo livello di attenzione e non ti permetterebbe di svolgere bene mansioni più importanti. Sarebbe giusto destinare a queste attività l’ultima ora della giornata, quella in cui siamo ormai stanchi e deconcentrati.

Continua a seguirci, qui, su facebook o su google+.
Entra a far parte del nostro team di #VeriBusinessmen.

Scarica gratuitamente il tuo planning settimanale da qui

By |2017-02-14T16:36:27+00:0007 Febbraio 2017|Categories: Web Marketing|Tags: |

About the Author:

Divoratrice compulsiva di libri, dilapido tutte le mie finanze su Amazon. Sono un po’ fissata con la pianificazione, uso una tabella excel anche per fare la spesa.

Leave A Comment